circolo lepini legambiente

 

Home
Taglio abusivo di alberi in località Monte Forcino

Al Sindaco del Comune di Sezze
P.za De Magistris
04018 – Sezze (LT)

Al Comando della stazione di Sezze
del Corpo Forestale dello Stato
Via Piagge Marine
04018 - Sezze

Al Comando della Polizia Municipale di Sezze
V. Piagge Marine
04018 – Sezze (LT)

Al Comando della Stazione dei
Carabinieri di Sezze
V. Roccagorga
04018 – Sezze (LT)

Alla Procura della Repubblica
Via Ezio s.n.c.
040100 – Latina

Sezze, 29 marzo ’13

Oggetto: segnalazione taglio abusivo di alberi in località M. Forcino (Longara di Sezze).

Sul Monte Forcino, in località Longara di Sezze (allegato A), un’area percorsa da fuoco costantemente negli ultimi anni, ignoti stanno effettuando in maniera costante tagli abusivi di alberi. Vengono usate seghe a motore come evidenziato dalle foto (allegato B).
Il taglio viene realizzato in maniera sistematica radendo al suolo vaste aree di bosco, come evidenziato (allegato B). Vengono tagliati sia alberi bruciati dagli incendi degli anni scorsi sia alberi verdi, determinando oltre al reato previsto anche un grave danno all'ecosistema montano.
Le ramaglie residue dei tagli abusivi vengono lasciate in loco e diventando combustibile per gli incendi estivi, costituendo grave pericolo per l'ambiente, gli animali e tutti coloro che possono trovarsi esposti all'incendio.
Probabilmente gli alberi secchi e/o bruciati vengono usati come copertura per i carichi di alberi verdi tagliati (per lo più lecci, peraltro protetti a livello normativo nazionale e internazionale).
Inoltre, nel tratto di strada forestale M. Forcino (coordinate N41 32.715- E13 04.544 (allegato A) è stata realizzata, dai tagliaboschi abusivi, una strada che si inoltra all’interno dell’area boschiva per alcuni centinaia di metri per permettere l’accesso di mezzi a motore al fine di effettuare i tagli lontano dalla strada principale e il loro carico. In virtù di questa operazione di taglio abusiva, non si può escludere un commercio illegale di legna da ardere.
Oltre al danno oggettivo arrecato al patrimonio boschivo, se tali azioni rimarranno impunite, si rischia che nella prossima stagione estiva ci sia un incremento degli incendi boschivi dolosi con lo scopo di prendere poi la legna nella stagione invernale.
Chiediamo che le istituzioni che facciano quanto è in loro potere e previsto dalla normativa vigente affinché termini quest’azione delittuosa e pericolosa.