CIRCOLO MONTI LEPINI

 
Home

Alla scoperta delle Cese della Longara
(Passeggiata di primavera in Semprevisa)

Alla scoperta delle Cese della Longara
(Passeggiata di primavera in Semprevisa)

scheda tecnica:
Organizzatori: Gruppo in difesa dei Beni Archeologici di Sezze - Coordinamento Legambiente  Provincia di Latina
Data escursione Domenica 22 marzo 2015
Appuntamento:
Ore 08:30
Sezze località Zoccolanti parcheggio del centro commerciale Zoccolanti:
Dal parcheggio proseguiremo alla volta della Longara usando meno auto possibili.
Ritorno previsto al punto di partenza ore 13:00 circa
Tipologia escursione: Ambientale/archeologico
Lunghezza percorso: Km 7
Dislivello in salita: m 280
Distanza in salita: Km 3,5
Tipologia terreno: sterrato, sentiero di montagna
Difficoltà: escursionistico (E)
Acqua al seguito - Abbigliamento comodo - K-way anti-pioggia - Scarpe antiscivolo

Sezze si raggiunge percorrendo la S.S. dei M. Lepini fino a Sezze Scalo. Si salgono i tornanti al primo incrocio si svolta a sinistra (direzione cimitero) raggiunta la località Zoccolanti si prosegue in direzione Roccagorga fino al centro commerciale Le Fontane (P)
vedi mappa.
Dal centro commerciale partiremo con il numero minimo di auto verso la Longara, ai piedi del massiccio del M. Semprevisa.
Lasceremo le auto alla fine della strada sterrata della Longara quota 540 m. Da dove partiremo a piedi  fino a raggiungere quota 840 m dove incroceremo la strada forestale di M. Forcino.  Proseguiremo in discesa la sterrata fino ad incrociare la deviazione per V. Tre Pozzi. Scenderemo la valle fino a raggiungere il punto di partenza. Quest'area sarà il contributo del territorio di Sezze al Parco dei Lepini. La pedemontana Roccagorga, Sezze, Bassiano diventerà il confine del parco di questo versante.

Nell'anno dell'Expo italiano il cui tema è l'alimentazione non possiamo fare a meno di dedicare l'escursione di primavera alla produzione del cibo sano prodotto attraverso un'agricoltura rispettosa dell'ambiente capace di nutrire ancora chi verrà.

"Ritornare alla terra per seminare il futuro"

Abbiamo pensato di farlo raccontandoci come per generazioni gli uomini e le donne che hanno abitato l'area intorno a Valle Tre Pozzi siano riuscite a produrre per millenni il cibo per il proprio sostentamento in un'area che oggi noi non riusciamo più ad immaginare capace di sostenere una comunità
Valle Tre pozzi è un'ampia valle che dal versante Sud del Semprevisa degrada dolcemente fino a diventare quasi pianeggiante nella zona della Longara. Presenta numerosi terrazzamenti  dette Cese usate per scopi agricoli fino agli anni settanta, prevalentemente venivano coltivati cereali ed alberi da frutto. Un vigneto è stato coltivato fino a qualche anno fa, quando un incendio boschivo lo ha distrutto.
Tutt'ora l'ente pubblico da in concessione d'uso questi terreni che vengono oggi utilizzati per l'allevamento.

Questo percorso attraversa una zona montana del territorio di Sezze che è stata abitata da millenni. Ne sono testimonianza i ritrovamenti di sepolcreti dell'età del bronzo rinvenuti  nella Grotta Vittorio Vecchi alla base di M. Fulcino nel 1987 e della presenza della torre Masi. Una torre difensiva, probabilmente di epoca medievale, che controllava il passaggio lungo V. Naforte.

Torna su